Intervista con Gildas (Kitsunè Rec.)

Kitsunè (che in giapponese significa “volpe”) é un originale concept che riesce ad unire in modo efficace musica, fashion e design.
Kitsunè nasce nel 2001 a Parigi dalle menti di creativi francesi e giapponesi: Masaya Kuroki, Patrick Lacey, Gildas Loaec, Benjamin Reichen, Kajsa Stahl, Maki Suzuki. Le prime tre compilation della serie Kitsunè Maison sono state in grado di anticipare e guidare il gusto degli ascoltatori come nessun altra serie di compilation degli ultimi anni. Il recente quarto volume ha dato qualche segno di cedimento ma nonostante questo Kitsunè non ha visto scalfita la sua  fama di etichetta “alla moda”. Senza troppi pregiudizi la label si è mossa indifferentemente tra rock e dance cercando sempre di interpretare il gusto del momento azzeccando la “next big thing”. Tra i nomi che sono passati sulla label ci sono: Wolfmother, Bloc Party, Simian Mobile Disco, Digitalism, Kaos, Joakim.   Abbiamo scambiato qualche chiacchiera con Gildas…
Quali sono i piani futuri della vostra etichetta?
Continuare a pubblicare la serie Kitsunè Maison ma anche sviluppare artisti. In questo momento Digitalism sono usciti in tutto il mondo e vogliamo fare lo stesso con Cazals, una band inglese davvero buona che abbiamo portato i studio e abbiamo ottenuto una grande registrazione
Al momento siete più focalizzati sulla, musica o sulla moda?
Su entrambi. La musica sta crescendo e a Luglio presenteremo la nostra nuova collezione uomo a Parigi.
Puoi dirci qualcosa di più sulle future uscite?
Stiamo lavorando nel mondo pop perché amiamo la musica pop, così continueremo a lavorare in quella direzione. Le linee di abbigliamento stanno diventando più importanti e abbiamo sempre più capi nelle nostre collezioni. E continuamo a collaborare con Pierre Hardy.
Qual’é l’arma segreta del vostro successo?
Lavorare sodo. Inoltre il merito e dei buoni musicisti che  credono in noi e vogliono lavorare con noi.
Qual’é la next big thing nela musica, nel fashion e nel design?
Difficile da dire ma di sicuro la Kitsunè vuole diventare più grande e noi facciamo vestiti, musica e design.
Potresti parlarmi un po’ dell’originale idea che c’é dietro all’artwork della serie Kitsunè Maison?
E’ tutto incentrato sull’amicizia. Tantissimi ritratti di amici, partner lavorativi, musicisti da mettere sulle copertine. Al momento penso che abbiamo quasi seicento ritratti.
Quali sono gli artisti che vi piacciono davvero molto ma che non avete ancora avuto modo di pubblicare sulla vostra etichetta?
Una tonnellata! Late of The Pier, M.i.a., Daft Punk, The Strokes…

0

About author Vedi tutti gli articoli

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

/* ]]> */